Non c’è sapienza, né fede, né bellezza, se non ho in me la Carità. Solo l’amore è specchio dell’Eterno, non finirà in un tramonto. Non c’è potenza, né forza, né speranza, se non ho in me la Carità. Un grido sale da chi non ha che te Signore della vita. Con te Vincenzo risplende un’alba nuova, un sole che vivrà negli occhi dei più poveri. La Carità in te si fa presenza, il sogno dell’eterno in te si fa realtà. Tra le mie braccia il dono del conforto Nel mio silenzio la forza del perdono Nei miei pensieri la strada verso te Signore della vita. Con te Vincenzo risplende un’alba nuova, un sole che vivrà negli occhi dei più poveri. La Carità in te si fa presenza, il sogno dell’eterno in te si fa realtà. Con te Vincenzo risplende un’alba nuova, un sole che vivrà negli occhi dei più poveri. La Carità in te si fa presenza, il sogno dell’eterno in te si fa realtà. In te si si fa realtà, in te si fa realtà, in te si fa realtà.
Rito della Messa
Rito della Messa



 
Nella Messa o Cena del Signore, il popolo di Dio è chiamato a riunirsi insieme sotto la presidenza del sacerdote, che agisce nella persona di Cristo, per celebrare il memoriale del Signore, cioè il sacrificio eucaristico… Infatti nella celebrazione della Messa, nella quale si perpetua il sacrificio della croce, Cristo è realmente presente nell’assemblea riunita in suo nome, nella persona del ministro, nella sua parola e in modo sostanziale e permanente sotto le specie eucaristiche. (Ordinamento Generale del Messale Romano, 27)

 
 
 

RITI DI INTRODUZIONE

 
 
Quando il popolo si è radunato, il sacerdote con i ministri si reca all’altare; intanto si esegue il CANTO D’INGRESSO.
Giunto all’altare,il sacerdote con i ministri fa la debita riverenza, bacia l’altare in segno di venerazione ed eventualmente lo incensa. Poi, con i ministri si reca alla sede.
Terminato il canto d’ingresso, sacerdote e fedeli, in piedi, fanno il SEGNO DELLA CROCE.
 
Il sacerdote dice:
 
Nel nome del Padre del Figlio
e dello Spirito Santo.

Il popolo risponde: Amen.



Segue il SALUTO, che il sacerdote rivolge al popolo allargando le braccia e dicendo:
 
La grazia del Signore nostro Gesù Cristo,
l'amore di Dio Padre
e la comunione dello Spirito Santo
sia con tutti voi.                                                                   Cfr  2Cor 13,13

Il popolo risponde: E con il tuo spirito.     
 
Oppure:
 

La grazia e la pace

di Dio nostro Padre
e del Signore nostro Gesù Cristo
sia con tutti voi.                                                                    Cfr  1Cor 1,3
 
Il popolo risponde: E con il tuo spirito.
Oppure: Benedetto nei secoli il Signore.
 
Oppure:
Il  Signore sia con voi.           
                                                                                             
Il vescovo dice: La pace sia con voi.
Il popolo risponde: E con il tuo spirito.
 
* Oppure:
Il Signore, che guida i nostri cuori
nell’amore e nella pazienza di Cristo,
sia con tutti voi                                                                     Cfr  2 Ts 3,5
 
Il popolo risponde: E con il tuo spirito.
    
* Oppure:
Il Dio della speranza,
che ci riempie di ogni gioia
e pace nella fede
per la potenza dello Spirito Santo,
sia con tutti voi.                                                                    Cfr  Rm 15,13
 
Il popolo risponde: E con il tuo spirito.
 
* Oppure:
La pace, la carità e la fede
da parte di Dio Padre
e del Signore nostro Gesù Cristo
sia con tutti voi.                                                                    Cfr  Ef 6,23
 
Il popolo risponde: E con il tuo spirito.
 
 
* Oppure:
Fratelli, eletti secondo la prescienza di Dio Padre
mediante la santificazione dello Spirito
per obbedire a Gesù Cristo
e per essere aspersi del suo sangue,
grazia e pace in abbondanza a tutti voi.                                Cfr  1Pt 1, 1-2
 
Il popolo risponde: E con il tuo spirito.
 
 
Il sacerdote, o il diacono, o un altro ministro idoneo, può fare una brevissima presentazione della Messa del giorno.
 
 
Segue l’ATTO PENITENZIALE. Il sacerdote invita i fedeli al pentimento con queste parole o con altre simili.

1a formula:      Fratelli,
per celebrare degnamente i santi misteri,
riconosciamo i nostri peccati.
    
* Oppure:
 
Il Signore Gesù,
che ci invita alla mensa della Parola e dell'Eucaristia,
ci chiama alla conversione.
Riconosciamo di essere peccatori
e invochiamo con fiducia la  misericordia di Dio.
 
* Oppure, specialmente nelle domeniche:
 
Nel giorno in cui celebriamo
la vittoria di Cristo sul peccato e sulla morte,
anche noi siamo chiamati a morire al peccato
per risorgere alla vita nuova.
Riconosciamoci bisognosi della misericordia del Padre.
 
Si fa una breve pausa di silenzio.
 
 
Poi tutti insieme fanno la confessione:
 
Confesso a Dio onnipotente e a voi, fratelli,
che ho molto peccato

in pensieri, parole, opere e omissioni,

 
e, battendosi il petto, dicono:
 
per mia colpa, mia colpa, mia grandissima colpa.
 
E proseguono:
E supplico la beata sempre vergine Maria,
gli angeli, i santi e voi, fratelli,
di pregare per me il Signore Dio nostro
.

 
Segue l’assoluzione del sacerdote:
 
Dio onnipotente abbia misericordia di noi,
perdoni i nostri peccati e ci conduca alla vita eterna.
 
Il popolo risponde: Amen.
____________________________________________________________
2a formula:      All’inizio di questa celebrazione eucaristica,
chiediamo la conversione del cuore,
fonte di riconciliazione e di comunione
con Dio e con i fratelli.
 
* Oppure:
 
Umili e pentiti come il pubblicano al tempio,
accostiamoci al Dio giusto e santo,
perché abbia pietà anche di noi peccatori.

Si fa una breve pausa di silenzio. 
Poi il sacerdote dice: 
Pietà di noi, Signore.


Il popolo risponde: 
Contro di te abbiamo peccato.
 
Il sacerdote prosegue: 
Mostraci, Signore, la tua misericordia.


Il popolo risponde: 
E donaci la tua salvezza.
 
Segue l’assoluzione del sacerdote, come indicato prima.
 
 
3a formula:      Gesù Cristo, il giusto, intercede per noi
e ci riconcilia con il Padre.
Apriamo il nostro spirito al pentimento,
per essere meno indegni
di accostarci alla mensa del Signore.
 
* Oppure:
 
Il Signore ha detto:
chi di voi è senza peccato, scagli la prima Pietro.
Riconosciamoci tutti peccatori
e perdoniamoci a vicenda dal profondo del cuore.

Si fa una breve pausa di silenzio. 
 
Poi il sacerdote, o un altro ministro idoneo, dice o canta le seguenti invocazioni o altre simili:
 
Signore,
mandato dal Padre a salvare i contriti di cuore,
abbi pietà di noi.

Il popolo risponde:
Signore, pietà.                        oppure: Kỳrie, elèison.
 
Sacerdote:
Cristo, che sei venuto a chiamare i peccatori,
abbi pietà di noi.

Il popolo risponde:
Cristo, pietà.                          oppure: Christe, elèison.
 
Sacerdote:
Signore, che intercedi per noi presso il Padre,
abbi pietà di noi.

Il popolo risponde:
Signore, pietà.                        oppure: Kỳrie, elèison.
 
Segue l’assoluzione del sacerdote, come indicato prima.



____________________________________________________________
 
Seguono le INVOCAZIONI  Signore, pietà, se non sono state già dette o cantate per l’atto penitenziale.
 
V.        Signore, pietà.                                  oppure: V.      Kỳrie, elèison.
R.        Signore, pietà.                                              R.      Kỳrie, elèison

V.        Cristo, pietà.                                                 V.       Christe, elèison.
R.        Cristo, pietà.                                                R.       Christe, elèison.

V.        Signore, pietà.                                              V.       Kỳrie, elèison.
R.        Signore, pietà.                                             R.       Kỳrie, elèison



Poi, quando è prescritto, si canta o si dice l’INNO:
 
Gloria a Dio nell'alto dei cieli
e pace in terra agli uomini di buona volontà.

Noi ti lodiamo, ti benediciamo,
ti adoriamo, ti glorifichiamo,
ti rendiamo grazie per la tua gloria immensa,
Signore Dio, Re de1 cielo, Dio Padre onnipotente.

Signore, Figlio unigenito, Gesù Cristo,
Signore Dio, Agnello di Dio, Figlio del Padre;
tu che togli i peccati del mondo,
abbi pietà di noi;
tu che togli i peccati del mondo,
accogli la nostra supplica;
tu che siedi alla destra del Padre,
abbi pietà di noi.

Perché tu solo il Santo,
tu solo il Signore,
tu solo l'Altissimo:
Gesù Cristo,
con lo Spirito Santo:
nella gloria di Dio Padre.  Amen.


Terminato l’inno, il sacerdote, a mani giunte dice:
 
Preghiamo
 
E tutti, insieme con il sacerdote, pregano in silenzio per qualche momento.
Quindi il sacerdote allarga le braccia e dice la COLLETTA.
 
 
La colletta termina con la conclusione lunga:
 
- se è rivolta al Padre:
 
Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio,
e vive e regna con te, nell’unità dello Spirito Santo,
per tutti i secoli dei secoli.
 
- se è rivolta al Padre, ma verso la fine dell’orazione si fa menzione del Figlio:
 
Egli è Dio, e vive e regna con te,
nell’unità dello Spirito Santo,
per tutti i secoli dei secoli.
 
- se è rivolta al Figlio:
 
Tu sei Dio, e vivi e regni con Dio Padre,
nell’unità dello Spirito Santo,
per tutti i secoli dei secoli.
 
Il popolo acclama:
 
Amen.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

LITURGIA DELLA PAROLA

 
 
Il lettore si porta all’ambone e legge la PRIMA LETTURA; tutti l’ascoltano seduti.
 
Per indicare la fine della lettura, il lettore aggiunge:  Parola di Dio  

Tutti acclamano: Rendiamo grazie a Dio.
 

Il salmista o cantore canta o legge il SALMO; il popolo partecipa con il ritornello.
 
Se c’è la SECONDA LETTURA, il lettore la legge all’ambone come sopra.
 
Per indicare la fine della lettura, il lettore aggiunge: Parola di Dio
  

Tutti acclamano:  Rendiamo grazie a Dio.
 
 
Segue il CANTO AL VANGELO.
 
Intanto, se si usa l’incenso, il sacerdote lo pone nel turibolo.


 
________________________________________________________________________________
 
Poi il diacono che deve proclamare il VANGELO, inchinato davanti al sacerdote, chiede la benedizione, dicendo con voce sommessa:
 
Benedicimi, o Padre.

Il sacerdote con voce sommessa dice:
 
Il Signore sia nel tuo cuore e sulle tue labbra,
perché tu possa annunziare degnamente il suo Vangelo:
nel nome del Padre
e del Figlio + e dello Spirito Santo.
 
Il diacono risponde:  Amen.



________________________________________________________________________________
 
Se non c’è il diacono, il sacerdote, inchinandosi davanti all’altare, dice sottovoce:
 
Purifica il mio cuore e le mie labbra,
Dio onnipotente,
perché possa annunziare degnamente il tuo Vangelo.
 
 
Poi il diacono, o il sacerdote, si reca all’ambone, eventualmente accompagnato dai ministri con l’incenso e i candelieri, e dice:
 
Il Signore sia con voi.

Il popolo risponde:
 
E con il tuo spirito.
 
Il diacono o il sacerdote:
 
Dal Vangelo secondo N.,

e intanto segna il libro e se stesso in fronte, sulla bocca e sul petto.
 
Il popolo acclama:
 
Gloria a te, o Signore.

Il diacono o il sacerdote, se si usa l’incenso, incensa il libro e proclama il VANGELO.

Terminata la lettura, il diacono o il sacerdote dice:
 
Parola del Signore.
 
Tutti acclamano:
 
Lode a te, o Cristo.
 
 
Segue l’OMELIA; essa è prescritta in tutte le domeniche e feste di precetto, ed è raccomandata negli altri giorni.
 
Dopo l’omelia è opportuno fare un breve silenzio.
 
Quindi, quando è prescritta, si fa la PROFESSIONE DI FEDE:
 
Credo in un solo Dio, Padre onnipotente,
creatore del cielo e della terra,
di tutte le cose visibili e invisibili.

Credo in un solo Signore, Gesù Cristo,
unigenito Figlio di Dio,
nato dal Padre prima di tutti i secoli.
Dio da Dio, Luce da Luce, Dio vero da Dio vero;
generato, non creato,
della stessa sostanza del Padre;
per mezzo di lui tutte le cose sono state create.
Per noi uomini e per la nostra salvezza
discese dal cielo;
 
Alle parole: e per opera dello Spirito Santo… si è fatto uomo, tutti si inchinano.

e per opera dello Spirito Santo
si é incarnato nel seno della Vergine Maria
e si é fatto uomo.
Fu crocifisso per noi sotto Ponzio Pilato,
morì e fu sepolto.
Il terzo giorno é risuscitato, secondo le Scritture;
é salito al cielo, siede alla destra del Padre.
E di nuovo verrà, nella gloria,
per giudicare i vivi e i morti,
e il suo regno non avrà fine.

Credo nello Spirito Santo, che é Signore e da la vita,
e procede dal Padre e dal Figlio
e con il Padre e il Figlio é adorato e glorificato,
e ha parlato per mezzo dei profeti.

Credo la Chiesa, una, santa, cattolica e apostolica.
Professo un solo battesimo per il perdono dei peccati.
Aspetto la risurrezione dei morti
e la vita del mondo che verrà. Amen.
 
* Ad utilità dei fedeli, in luogo del simbolo niceno-costantinopolitano, la professione di fede si può fare, specialmente nel Tempo di Quaresima e nel Tempo di Pasqua, con il seguente simbolo detto «degli Apostoli».

Io credo in Dio, Padre onnipotente,
creatore del cielo e della terra;
 
e in Gesù Cristo, suo unico Figlio, nostro Signore,
 
Alle parole il quale fu concepito… Maria Vergine»,  tutti si inchinano.

il quale fu concepito di Spirito Santo,
nacque da Maria Vergine,
patì sotto Ponzio Pilato,
fu crocifisso, morì e fu sepolto;
discese agli inferi;
il terzo giorno risuscitò da morte;
salì al cielo,
siede alla destra di Dio Padre onnipotente;
di là verrà a giudicare i vivi e i morti.
 
Credo nello Spirito Santo,
la santa Chiesa cattolica,
la comunione dei santi,
la remissione dei peccati,
la risurrezione della carne,
la vita eterna. Amen.
 
Segue la preghiera universale o PREGHIERA DEI FEDELI.
    
 
 
 
 
 
 
 
 

LITURGIA  EUCARISTICA

 
 
Terminata la Liturgia della Parola, i ministri preparano sull’altare il corporale, il purificatoio, il calice e il messale; intanto si esegue il CANTO DI OFFERTORIO.
 
E’ bene che i fedeli esprimano la loro partecipazione per mezzo dell’offerta, portando il pane e il vino per la celebrazione dell’Eucaristia, o altri doni per le necessità della Chiesa e dei poveri.
 
 
Il sacerdote, all’altare, prende la patena con il pane e tenendola leggermente sollevata sull’altare, dice sottovoce:

Benedetto sei tu, Signore, Dio dell'universo:
dalla tua bontà abbiamo ricevuto questo pane,
frutto della terra e del lavoro dell'uomo;
lo presentiamo a te,
perché diventi per noi cibo di vita eterna.
 
Quindi depone sul corporale la patena con il pane.
 
Se non si esegue il canto di offertorio, il sacerdote può dire questa formula ad alta voce; e al termine il popolo può acclamare:

Benedetto nei secoli il Signore.
 

Il diacono, o il sacerdote, versa nel calice il vino, con un po’ d’acqua, dicendo sottovoce:

L’acqua unita al vino sia segno della nostra unione
con la vita divina di colui
che ha voluto assumere la nostra natura umana.
 
 
Il sacerdote prende il calice e tenendolo leggermente sollevato sull’altare, dice sottovoce:

Benedetto sei tu, Signore, Dio dell'universo:
dalla tua bontà abbiamo ricevuto questo vino,
frutto della vite, e del lavoro dell'uomo;
lo presentiamo a te,
perché diventi per noi bevanda di salvezza.
 
Quindi depone il calice sul corporale.
 
Se non si esegue il canto di offertorio, il sacerdote può dire questa formula ad alta voce; e al termine il popolo può acclamare:

Benedetto nei secoli il Signore.
 

Il sacerdote, inchinandosi, dice sottovoce:

Umili e pentiti accoglici, o Signore:
ti sia gradito il nostro sacrificio
che oggi si compie dinanzi a te.
 
Si possono incensare le offerte e l’altare. Poi il diacono o un ministro incensa il sacerdote e il popolo.
 
Il sacerdote, a lato dell’altare, si lava le mani dicendo sottovoce.

Lavami, Signore, da ogni colpa,
purificami da ogni peccato.
 
 
Ritornato in mezzo all’altare, rivolto al popolo, allargando e ricongiungendo le mani, il sacerdote dice:

Pregate, fratelli,
perché il mio e vostro sacrificio
sia gradito a Dio, Padre onnipotente.
   
* Oppure:
Pregate, fratelli e sorelle,
perché questa nostra famiglia,
radunata nel nome di Cristo,
possa offrire il sacrificio
gradito a Dio Padre onnipotente.
 
* Oppure:
Pregate, fratelli e sorelle,
perché portando all'altare
la gioia e la fatica di ogni giorno,
ci disponiamo a offrire il sacrificio
gradito a Dio Padre onnipotente.
 
* Oppure:
Pregate, fratelli e sorelle,
perché il sacrificio della Chiesa,
in questa sosta che la rinfranca
nel suo cammino verso la patria,
sia gradito a Dio Padre onnipotente.
 
Il popolo risponde:

Il Signore riceva dalle tue mani questo sacrificio
a lode e gloria del suo nome,
per il bene nostro e di tutta la sua santa Chiesa.

Il sacerdote, con le braccia allargate, dice l’ORAZIONE SULLE OFFERTE.
 
 
L’orazione sulle offerte termina con la conclusione breve:
 
- se è rivolta al Padre:
 
Per Cristo nostro Signore.
 
- se è rivolta al Padre, ma verso la fine di essa si fa menzione del Figlio:
 
Egli vive e regna nei secoli dei secoli.
 
- se è rivolta al Figlio:
 
Tu che vivi e regni nei secoli dei secoli.
 
Il popolo acclama:
 
Amen.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

PREGHIERA EUCARISTICA

 
 
1. Nelle Preghiere eucaristiche si possono ricordare insieme al vescovo diocesano anche i vescovi  coadiutori o ausiliari e il vescovo che eventualmente presiede la concelebrazione (cfr. «Principi e norme per l’uso del Messale Romano», n.109)
 
2. In tutte le Messe il sacerdote può cantare quelle parti delle preghiere eucaristiche, delle quali è previsto il canto nel rito della concelebrazione.
 
3. Nella Preghiera eucaristica prima, o Canone Romano, si possono omettere le espressioni tra parentesi.
 
 
Il sacerdote inizia la Preghiera eucaristica con il PREFAZIO.
 
Allargando le braccia, dice:

Il Signore sia con voi.
Il popolo risponde: E con il tuo spirito.
 
Allargando le braccia, il sacerdote prosegue:

In alto i nostri cuori.
Il popolo risponde: Sono rivolti al Signore.
 
Con le braccia allargate, il sacerdote soggiunge:

Rendiamo grazie al Signore, nostro Dio.
Il popolo risponde: É cosa buona e giusta.
 
Alla fine congiunge le mani e conclude il prefazio cantando insieme con il popolo o dicendo ad alta voce:
 
Santo, Santo, Santo il Signore Dio dell’universo.
I cieli e la terra sono pieni della tua gloria.
Osanna nell’alto dei cieli.
Benedetto colui che viene nel nome del Signore.
Osanna nell’alto dei cieli.
 
Segue la PREGHIERA EUCARISTICA
 
 
 
 
 
 

 

RITI DI COMUNIONE

 
Deposto il calice e la patena, il sacerdote, a mani giunte, dice:

Obbedienti alla parola del Salvatore
e formati al suo divino insegnamento,
osiamo dire:
 
* Oppure:
Il Signore ci ha donato il suo Spirito.
Con la fiducia e la libertà dei figli
diciamo insieme:
 
* Oppure:
Prima di partecipare al banchetto dell’Eucaristia,
segno di riconciliazione
e vincolo di unione fraterna,
preghiamo insieme come il Signore ci ha insegnato:
 
* Oppure:
Guidati dallo Spirito di Gesù
e illuminati dalla sapienza del Vangelo,
osiamo dire:
 
 
Con le braccia allargate, dice insieme al popolo:
 
Padre nostro, che sei nei cieli, 
sia santificato il tuo nome,
venga il tuo regno, sia fatta la tua volontà, 

come in cielo così in terra.

Dacci oggi il nostro pane quotidiano, 
e rimetti a noi i nostri debiti
come noi li rimettiamo ai nostri debitori,
e non ci indurre in tentazione, ma liberaci dal male.



Solo il sacerdote, con le braccia allargate, continua:
 
Liberaci, o Signore, da tutti i mali, 
concedi la pace ai nostri giorni; 
e con l'aiuto della tua misericordia, 
vivremo sempre liberi dal peccato
e sicuri da ogni turbamento,
nell'attesa che si compia la beata speranza, 
e venga il nostro Salvatore Gesù Cristo.
 
Congiunge la mani.
 
Il popolo conclude la preghiera con l’acclamazione:
 
 

Tuo é il regno, tua la potenza

e la gloria nei secoli.


Il sacerdote, con le braccia allargate, dice ad alta voce:
 
Signore Gesù Cristo, che hai detto ai tuoi apostoli: 
"Vi lascio la pace, vi do la mia pace", 
non guardare ai nostri peccati, 
ma alla fede della tua Chiesa, 
e donale unita e pace secondo la tua volontà. 
 
Congiunge la mani.
Tu che vivi e regni nei secoli dei secoli.
 
Il popolo conclude la preghiera con l’acclamazione:
Amen.


 
Il sacerdote, allargando e ricongiungendo le mani, dice:
 
La pace del Signore sia sempre con voi.
 
Il popolo risponde:
 
E con il tuo spirito.
 
Se si ritiene opportuno, il diacono, o il sacerdote aggiunge:
 
Scambiatevi un segno di pace.
 
* Oppure:
Come figli del Dio della pace,
scambiatevi un gesto di comunione fraterna.
 
* Oppure:
In Cristo, che ci ha resi tutti fratelli con la sua croce,
scambiatevi un segno di riconciliazione e di pace.
 
* Oppure:
Nello Spirito del Cristo risorto
datevi un segno di pace.
 
E tutti si scambiano vicendevolmente un segno di pace secondo gli usi locali.
 
 
Il sacerdote dà la pace al diacono o al ministro. Poi prende l’ostia e la spezza sopra la patena, e lascia cadere un frammento nel calice, dicendo sottovoce:
 
Il Corpo e il Sangue di Cristo,
uniti in questo calice,
siano per noi cibo di vita eterna.
 
 
Intanto si canta o si dice:
 
Agnello di Dio, che togli i peccati del mondo,
abbi pietà di noi. 
 
Agnello di Dio, che togli i peccati del mondo,
abbi pietà di noi.

Agnello di Dio, che togli i peccati del mondo,
dona a noi la pace.
 
Oppure in canto:
 
Agnus Dei, qui tollis peccata mundi: miserére nobis.
Agnus Dei, qui tollis peccata mundi: miserére nobis.
 Agnus Dei, qui tollis peccata mundi: dona nobis pacem.
 
Questo canto si può ripetere più volte, se la frazione del pane si prolunga. L’ultima invocazione si conclude con le parole: dona a noi la pace  [dona nobis pacem].
 
Il sacerdote, con le mani giunte, dice sottovoce:
 
Signore Gesù Cristo, figlio di Dio vivo, 
che per volontà del Padre
e con l’opera dello Spirito Santo 
morendo hai dato la vita al mondo, 
per il Santo mistero del tuo Corpo e del tuo Sangue
liberami da ogni colpa e da ogni male, 
fa che sia sempre fedele alla tua legge 
e non sia mai separato da Te.
 
Oppure:
 
La comunione con il tuo Corpo e il tuo Sangue, 
Signore Gesù Cristo, 
non diventi per me giudizio di condanna, 
ma per tua misericordia, 
sia rimedio di difesa dell’anima e del corpo.
 
 
Genuflette, prende l’ostia, e tenendola alquanto sollevata sulla patena, rivolto al popolo, dice ad alta voce:
 
Beati gli invitati alla Cena del Signore.
Ecco l'Agnello di Dio,
che toglie i peccati del mondo.

E continua, dicendo insieme con il popolo:
 
O Signore, non sono degno
di partecipare alla tua mensa:
ma di' soltanto una parola
e io sarò salvato.


Il sacerdote, rivolto all’altare, dice sottovoce:
 
Il Corpo di Cristo
mi custodisca per la vita eterna.
 
E con riverenza si comunica al Corpo di Cristo. Poi prende il calice e dice sottovoce:
 
Il Sangue di Cristo
mi custodisca per la vita eterna.
 
E con riverenza si comunica al Sangue di Cristo.
 
 
Prende poi la patena o la pisside, e si porta verso i comunicandi. Nel presentare a ognuno l’ostia, la tiene alquanto sollevata e dice:
 
Il Corpo di Cristo
 
Il comunicando risponde:

Amen.


E riceve la comunione.
 
Nello stesso modo si comporta il diacono, quando distribuisce la comunione.
 
Quando si distribuisce la comunione sotto le due specie, si osservi il rito indicato in «Principi e norme», nn. 240-252.
 
Mentre il sacerdote si comunica con il Corpo di Cristo, si inizia il CANTO DI COMUNIONE.
 
Terminata la distribuzione della comunione, il sacerdote, o il diacono, o l’accolito, asterge la patena sul calice e quindi il calice.
 
 
Mentre asterge la patena e il calice, il sacerdote dice sottovoce:
 
Il sacramento ricevuto con la bocca
sia accolto con purezza nel nostro spirito, o Signore,
e il dono a noi fatto nel tempo
ci sia rimedio per la vita eterna.
 
Poi il sacerdote può tornare alla sede. Secondo i casi, si può osservare, per un tempo conveniente il «sacro silenzio», oppure si può cantare un salmo o un canto di lode e ringraziamento.
 
Il sacerdote, dalla sede o dall’altare, dice:
 
Preghiamo.
 
E tutti, insieme con il sacerdote, pregano in silenzio per qualche momento, se non l’hanno già fatto in precedenza. Poi, il sacerdote, con le braccia allargate, dice l’ORAZIONE DOPO LA COMUNIONE.
 
L’orazione dopo la comunione termina con la conclusione breve:
 
- se è rivolta al Padre:
 
Per Cristo nostro Signore.
 
- se è rivolta al Padre, ma verso la fine di essa si fa menzione del Figlio:
 
Egli vive e regna nei secoli dei secoli.
 
- se è rivolta al Figlio:
 
Tu che vivi e regni nei secoli dei secoli.
 
Il popolo acclama:
 
Amen.
 
 
 
 


 

RITI DI CONCLUSIONE

 
 
A questo punto si danno, quando occorre, brevi comunicazioni o AVVISI AL POPOLO. Segue il CONGEDO. Il sacerdote rivolto verso il popolo, con le braccia allargate dice:

Il Signore sia con voi.
 
Il popolo acclama:

E con il tuo spirito.
 
Il sacerdote benedice il popolo:

Vi benedica Dio onnipotente,
Padre e Figlio Ë e Spirito Santo.
 
Il popolo risponde:

Amen.
 
____________________________________________________________________
Nel benedire il popolo; il vescovo usa questa formula:

V.      Sia benedetto il nome del Signore.
R.      Ora e sempre.
 
V.      Il nostro aiuto è nel nome del Signore.
R.      Egli ha fatto cielo e terra.
 
V.      Vi benedica Dio onnipotente,
         Padre + e Figlio + e Spirito + Santo.
R.      Amen.
____________________________________________________________________
 
In certi giorni e in circostanze particolari, questa formula di benedizione è preceduta da una formula di BENEDIZIONE PIU’ SOLENNE o dalla ORAZIONE SUL POPOLO.
 
Infine il diacono, o il sacerdote stesso, rivolto verso il popolo, a mani giunte, dice:

La Messa é finita: andate in pace.

* Oppure:
La gioia del Signore sia la nostra forza.  Andate in pace.
 
* Oppure:
Glorificate il Signore con la vostra vita.  Andate in pace.
 
* Oppure:
Nel nome del Signore, andate in pace.
 
* Oppure, specialmente nelle domeniche di Pasqua:
Portate a tutti la gioia gioia del Signore risorto.  Andate in pace.
 
Il popolo risponde:

Rendiamo grazie a Dio.
 
Il sacerdote bacia l’altare in segno di venerazione come all’inizio; fa quindi con i ministri la debita riverenza e torna in sacrestia.
 
Quando la Messa è seguita immediatamente da un’altra azione liturgica, si tralasciano i riti di conclusione.
RITO DELLA MESSA
 
 
 

 

RITI DI INTRODUZIONE

 
 
Quando il popolo si è radunato, il sacerdote con i ministri si reca all’altare; intanto si esegue il CANTO D’INGRESSO.
 
Giunto all’altare,il sacerdote con i ministri fa la debita riverenza, bacia l’altare in segno di venerazione ed eventualmente lo incensa. Poi, con i ministri si reca alla sede.
 
 
Terminato il canto d’ingresso, sacerdote e fedeli, in piedi, fanno il SEGNO DELLA CROCE.
 
Il sacerdote dice:
 
Nel nome del Padre del Figlio
e dello Spirito Santo.

Il popolo risponde: Amen.



Segue il SALUTO, che il sacerdote rivolge al popolo allargando le braccia e dicendo:
 
La grazia del Signore nostro Gesù Cristo,
l'amore di Dio Padre
e la comunione dello Spirito Santo
sia con tutti voi.                                                                   Cfr  2Cor 13,13

Il popolo risponde: E con il tuo spirito.     
 
Oppure:
 

La grazia e la pace

di Dio nostro Padre
e del Signore nostro Gesù Cristo
sia con tutti voi.                                                                    Cfr  1Cor 1,3
 
Il popolo risponde: E con il tuo spirito.
Oppure: Benedetto nei secoli il Signore.
 
Oppure:
Il  Signore sia con voi.           
                                                                                             
Il vescovo dice: La pace sia con voi.
Il popolo risponde: E con il tuo spirito.
 
* Oppure:
Il Signore, che guida i nostri cuori
nell’amore e nella pazienza di Cristo,
sia con tutti voi                                                                     Cfr  2 Ts 3,5
 
Il popolo risponde: E con il tuo spirito.
    
* Oppure:
Il Dio della speranza,
che ci riempie di ogni gioia
e pace nella fede
per la potenza dello Spirito Santo,
sia con tutti voi.                                                                    Cfr  Rm 15,13
 
Il popolo risponde: E con il tuo spirito.
 
* Oppure:
La pace, la carità e la fede
da parte di Dio Padre
e del Signore nostro Gesù Cristo
sia con tutti voi.                                                                    Cfr  Ef 6,23
 
Il popolo risponde: E con il tuo spirito.
 
 
* Oppure:
Fratelli, eletti secondo la prescienza di Dio Padre
mediante la santificazione dello Spirito
per obbedire a Gesù Cristo
e per essere aspersi del suo sangue,
grazia e pace in abbondanza a tutti voi.                                Cfr  1Pt 1, 1-2
 
Il popolo risponde: E con il tuo spirito.
 
 
Il sacerdote, o il diacono, o un altro ministro idoneo, può fare una brevissima presentazione della Messa del giorno.
 
 
Segue l’ATTO PENITENZIALE. Il sacerdote invita i fedeli al pentimento con queste parole o con altre simili.

1a formula:      Fratelli,
per celebrare degnamente i santi misteri,
riconosciamo i nostri peccati.
    
* Oppure:
 
Il Signore Gesù,
che ci invita alla mensa della Parola e dell'Eucaristia,
ci chiama alla conversione.
Riconosciamo di essere peccatori
e invochiamo con fiducia la  misericordia di Dio.
 
* Oppure, specialmente nelle domeniche:
 
Nel giorno in cui celebriamo
la vittoria di Cristo sul peccato e sulla morte,
anche noi siamo chiamati a morire al peccato
per risorgere alla vita nuova.
Riconosciamoci bisognosi della misericordia del Padre.
 
Si fa una breve pausa di silenzio.
 
 
Poi tutti insieme fanno la confessione:
 
Confesso a Dio onnipotente e a voi, fratelli,
che ho molto peccato

in pensieri, parole, opere e omissioni,ù
 
e, battendosi il petto, dicono:
 
per mia colpa, mia colpa, mia grandissima colpa.
 
E proseguono:
E supplico la beata sempre vergine Maria,
gli angeli, i santi e voi, fratelli,
di pregare per me il Signore Dio nostro.

 
Segue l’assoluzione del sacerdote:
 
Dio onnipotente abbia misericordia di noi,
perdoni i nostri peccati e ci conduca alla vita eterna.
 
Il popolo risponde: Amen.
____________________________________________________________
2a formula:      All’inizio di questa celebrazione eucaristica,
chiediamo la conversione del cuore,
fonte di riconciliazione e di comunione
con Dio e con i fratelli.
 
* Oppure:
 
Umili e pentiti come il pubblicano al tempio,
accostiamoci al Dio giusto e santo,
perché abbia pietà anche di noi peccatori.

Si fa una breve pausa di silenzio.
 
Poi il sacerdote dice:
 
Pietà di noi, Signore.


Il popolo risponde:
 
Contro di te abbiamo peccato.
 
Il sacerdote prosegue:
 
Mostraci, Signore, la tua misericordia.


Il popolo risponde:
 
E donaci la tua salvezza.
 
Segue l’assoluzione del sacerdote, come indicato prima.
 
 
3a formula:      Gesù Cristo, il giusto, intercede per noi
e ci riconcilia con il Padre.
Apriamo il nostro spirito al pentimento,
per essere meno indegni
di accostarci alla mensa del Signore.
 
* Oppure:
 
Il Signore ha detto:
chi di voi è senza peccato, scagli la prima Pietro.
Riconosciamoci tutti peccatori
e perdoniamoci a vicenda dal profondo del cuore.

Si fa una breve pausa di silenzio.
 
 
Poi il sacerdote, o un altro ministro idoneo, dice o canta le seguenti invocazioni o altre simili:
 
Signore,
mandato dal Padre a salvare i contriti di cuore,
abbi pietà di noi.

Il popolo risponde:
 
Signore, pietà.                        oppure: Kỳrie, elèison.
 
Sacerdote:
 
Cristo, che sei venuto a chiamare i peccatori,
abbi pietà di noi.

Il popolo risponde:
 
Cristo, pietà.                          oppure: Christe, elèison.
 
Sacerdote:
 
Signore, che intercedi per noi presso il Padre,
abbi pietà di noi.

Il popolo risponde:
 
Signore, pietà.                        oppure: Kỳrie, elèison.
 
Segue l’assoluzione del sacerdote, come indicato prima.
____________________________________________________________
 
Seguono le INVOCAZIONI  Signore, pietà, se non sono state già dette o cantate per l’atto penitenziale.
 
V.       Signore, pietà.                                  oppure: V.      Kỳrie, elèison.
R.        Signore, pietà.                                          R.       Kỳrie, elèison

V.       Cristo, pietà.                                             V.       Christe, elèison.
R.        Cristo, pietà.                                             R.       Christe, elèison.

V.        Signore, pietà.                                           V.       Kỳrie, elèison.
R.        Signore, pietà.                                          R.       Kỳrie, elèison



Poi, quando è prescritto, si canta o si dice l’INNO:
 
Gloria a Dio nell'alto dei cieli
e pace in terra agli uomini di buona volontà.

Noi ti lodiamo, ti benediciamo,
ti adoriamo, ti glorifichiamo,
ti rendiamo grazie per la tua gloria immensa,
Signore Dio, Re de1 cielo, Dio Padre onnipotente.

Signore, Figlio unigenito, Gesù Cristo,
Signore Dio, Agnello di Dio, Figlio del Padre;
tu che togli i peccati del mondo,
abbi pietà di noi;
tu che togli i peccati del mondo,
accogli la nostra supplica;
tu che siedi alla destra del Padre,
abbi pietà di noi.

Perché tu solo il Santo,
tu solo il Signore,
tu solo l'Altissimo:
Gesù Cristo,
con lo Spirito Santo:
nella gloria di Dio Padre.  Amen.



Terminato l’inno, il sacerdote, a mani giunte dice:
 
Preghiamo
 
E tutti, insieme con il sacerdote, pregano in silenzio per qualche momento.
Quindi il sacerdote allarga le braccia e dice la COLLETTA.
 
 
La colletta termina con la conclusione lunga:
 
- se è rivolta al Padre:
 
Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio,
e vive e regna con te, nell’unità dello Spirito Santo,
per tutti i secoli dei secoli.
 
- se è rivolta al Padre, ma verso la fine dell’orazione si fa menzione del Figlio:
 
Egli è Dio, e vive e regna con te,
nell’unità dello Spirito Santo,
per tutti i secoli dei secoli.
 
- se è rivolta al Figlio:
 
Tu sei Dio, e vivi e regni con Dio Padre,
nell’unità dello Spirito Santo,
per tutti i secoli dei secoli.
 
Il popolo acclama:
 
Amen.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

LITURGIA DELLA PAROLA

 
 
Il lettore si porta all’ambone e legge la PRIMA LETTURA; tutti l’ascoltano seduti.
 
Per indicare la fine della lettura, il lettore aggiunge:
 
 

Parola di Dio

 
Tutti acclamano:
 
Rendiamo grazie a Dio.
 

Il salmista o cantore canta o legge il SALMO; il popolo partecipa con il ritornello.
 
Se c’è la SECONDA LETTURA, il lettore la legge all’ambone come sopra.
 
Per indicare la fine della lettura, il lettore aggiunge:
 
 

Parola di Dio

 
Tutti acclamano:
 
Rendiamo grazie a Dio.
 
 
Segue il CANTO AL VANGELO.
 
Intanto, se si usa l’incenso, il sacerdote lo pone nel turibolo.
 
________________________________________________________________________________
 
Poi il diacono che deve proclamare il VANGELO, inchinato davanti al sacerdote, chiede la benedizione, dicendo con voce sommessa:
 
Benedicimi, o Padre.

Il sacerdote con voce sommessa dice:
 
Il Signore sia nel tuo cuore e sulle tue labbra,
perché tu possa annunziare degnamente il suo Vangelo:
nel nome del Padre
e del Figlio + e dello Spirito Santo.
 
Il diacono risponde:
 
Amen.
________________________________________________________________________________
 
Se non c’è il diacono, il sacerdote, inchinandosi davanti all’altare, dice sottovoce:
 
Purifica il mio cuore e le mie labbra,
Dio onnipotente,
perché possa annunziare degnamente il tuo Vangelo.
 
 
Poi il diacono, o il sacerdote, si reca all’ambone, eventualmente accompagnato dai ministri con l’incenso e i candelieri, e dice:
 
Il Signore sia con voi.

Il popolo risponde:
 
E con il tuo spirito.
 
Il diacono o il sacerdote:
 
Dal Vangelo secondo N.,

e intanto segna il libro e se stesso in fronte, sulla bocca e sul petto.
 
Il popolo acclama:
 
Gloria a te, o Signore.

Il diacono o il sacerdote, se si usa l’incenso, incensa il libro e proclama il VANGELO.

Terminata la lettura, il diacono o il sacerdote dice:
 
Parola del Signore.
 
Tutti acclamano:
 
Lode a te, o Cristo.
 
 
Segue l’OMELIA; essa è prescritta in tutte le domeniche e feste di precetto, ed è raccomandata negli altri giorni.
 
Dopo l’omelia è opportuno fare un breve silenzio.
 
Quindi, quando è prescritta, si fa la PROFESSIONE DI FEDE:
 
Credo in un solo Dio, Padre onnipotente,
creatore del cielo e della terra,
di tutte le cose visibili e invisibili.

Credo in un solo Signore, Gesù Cristo,
unigenito Figlio di Dio,
nato dal Padre prima di tutti i secoli.
Dio da Dio, Luce da Luce, Dio vero da Dio vero;
generato, non creato,
della stessa sostanza del Padre;
per mezzo di lui tutte le cose sono state create.
Per noi uomini e per la nostra salvezza
discese dal cielo;
 
Alle parole: e per opera dello Spirito Santo… si è fatto uomo, tutti si inchinano.

e per opera dello Spirito Santo
si é incarnato nel seno della Vergine Maria
e si é fatto uomo.
Fu crocifisso per noi sotto Ponzio Pilato,
morì e fu sepolto.
Il terzo giorno é risuscitato, secondo le Scritture;
é salito al cielo, siede alla destra del Padre.
E di nuovo verrà, nella gloria,
per giudicare i vivi e i morti,
e il suo regno non avrà fine.

Credo nello Spirito Santo, che é Signore e da la vita,
e procede dal Padre e dal Figlio
e con il Padre e il Figlio é adorato e glorificato,
e ha parlato per mezzo dei profeti.

Credo la Chiesa, una, santa, cattolica e apostolica.
Professo un solo battesimo per il perdono dei peccati.
Aspetto la risurrezione dei morti
e la vita del mondo che verrà. Amen.
 
* Ad utilità dei fedeli, in luogo del simbolo niceno-costantinopolitano, la professione di fede si può fare, specialmente nel Tempo di Quaresima e nel Tempo di Pasqua, con il seguente simbolo detto «degli Apostoli».

Io credo in Dio, Padre onnipotente,
creatore del cielo e della terra;
 
e in Gesù Cristo, suo unico Figlio, nostro Signore,
 
Alle parole il quale fu concepito… Maria Vergine»,  tutti si inchinano.

il quale fu concepito di Spirito Santo,
nacque da Maria Vergine,
patì sotto Ponzio Pilato,
fu crocifisso, morì e fu sepolto;
discese agli inferi;
il terzo giorno risuscitò da morte;
salì al cielo,
siede alla destra di Dio Padre onnipotente;
di là verrà a giudicare i vivi e i morti.
 
Credo nello Spirito Santo,
la santa Chiesa cattolica,
la comunione dei santi,
la remissione dei peccati,
la risurrezione della carne,
la vita eterna. Amen.
 
Segue la preghiera universale o PREGHIERA DEI FEDELI.
    
 
 
 
 
 
 
 
 

LITURGIA  EUCARISTICA

 
 
Terminata la Liturgia della Parola, i ministri preparano sull’altare il corporale, il purificatoio, il calice e il messale; intanto si esegue il CANTO DI OFFERTORIO.
 
E’ bene che i fedeli esprimano la loro partecipazione per mezzo dell’offerta, portando il pane e il vino per la celebrazione dell’Eucaristia, o altri doni per le necessità della Chiesa e dei poveri.
 
 
Il sacerdote, all’altare, prende la patena con il pane e tenendola leggermente sollevata sull’altare, dice sottovoce:

Benedetto sei tu, Signore, Dio dell'universo:
dalla tua bontà abbiamo ricevuto questo pane,
frutto della terra e del lavoro dell'uomo;
lo presentiamo a te,
perché diventi per noi cibo di vita eterna.
 
Quindi depone sul corporale la patena con il pane.
 
Se non si esegue il canto di offertorio, il sacerdote può dire questa formula ad alta voce; e al termine il popolo può acclamare:

Benedetto nei secoli il Signore.
 

Il diacono, o il sacerdote, versa nel calice il vino, con un po’ d’acqua, dicendo sottovoce:

L’acqua unita al vino sia segno della nostra unione
con la vita divina di colui
che ha voluto assumere la nostra natura umana.
 
 
Il sacerdote prende il calice e tenendolo leggermente sollevato sull’altare, dice sottovoce:

Benedetto sei tu, Signore, Dio dell'universo:
dalla tua bontà abbiamo ricevuto questo vino,
frutto della vite, e del lavoro dell'uomo;
lo presentiamo a te,
perché diventi per noi bevanda di salvezza.
 
Quindi depone il calice sul corporale.
 
Se non si esegue il canto di offertorio, il sacerdote può dire questa formula ad alta voce; e al termine il popolo può acclamare:

Benedetto nei secoli il Signore.
 

Il sacerdote, inchinandosi, dice sottovoce:

Umili e pentiti accoglici, o Signore:
ti sia gradito il nostro sacrificio
che oggi si compie dinanzi a te.
 
Si possono incensare le offerte e l’altare. Poi il diacono o un ministro incensa il sacerdote e il popolo.
 
Il sacerdote, a lato dell’altare, si lava le mani dicendo sottovoce.

Lavami, Signore, da ogni colpa,
purificami da ogni peccato.
 
 
Ritornato in mezzo all’altare, rivolto al popolo, allargando e ricongiungendo le mani, il sacerdote dice:

Pregate, fratelli,
perché il mio e vostro sacrificio
sia gradito a Dio, Padre onnipotente.
   
* Oppure:
Pregate, fratelli e sorelle,
perché questa nostra famiglia,
radunata nel nome di Cristo,
possa offrire il sacrificio
gradito a Dio Padre onnipotente.
 
* Oppure:
Pregate, fratelli e sorelle,
perché portando all'altare
la gioia e la fatica di ogni giorno,
ci disponiamo a offrire il sacrificio
gradito a Dio Padre onnipotente.
 
* Oppure:
Pregate, fratelli e sorelle,
perché il sacrificio della Chiesa,
in questa sosta che la rinfranca
nel suo cammino verso la patria,
sia gradito a Dio Padre onnipotente.
 
Il popolo risponde:

Il Signore riceva dalle tue mani questo sacrificio
a lode e gloria del suo nome,
per il bene nostro e di tutta la sua santa Chiesa.

Il sacerdote, con le braccia allargate, dice l’ORAZIONE SULLE OFFERTE.
 
 
L’orazione sulle offerte termina con la conclusione breve:
 
- se è rivolta al Padre:
 
Per Cristo nostro Signore.
 
- se è rivolta al Padre, ma verso la fine di essa si fa menzione del Figlio:
 
Egli vive e regna nei secoli dei secoli.
 
- se è rivolta al Figlio:
 
Tu che vivi e regni nei secoli dei secoli.
 
Il popolo acclama:
 
Amen.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

PREGHIERA EUCARISTICA

 
 
1. Nelle Preghiere eucaristiche si possono ricordare insieme al vescovo diocesano anche i vescovi  coadiutori o ausiliari e il vescovo che eventualmente presiede la concelebrazione (cfr. «Principi e norme per l’uso del Messale Romano», n.109)
 
2. In tutte le Messe il sacerdote può cantare quelle parti delle preghiere eucaristiche, delle quali è previsto il canto nel rito della concelebrazione.
 
3. Nella Preghiera eucaristica prima, o Canone Romano, si possono omettere le espressioni tra parentesi.
 
 
Il sacerdote inizia la Preghiera eucaristica con il PREFAZIO.
 
Allargando le braccia, dice:

Il Signore sia con voi.
Il popolo risponde: E con il tuo spirito.
 
Allargando le braccia, il sacerdote prosegue:

In alto i nostri cuori.
Il popolo risponde: Sono rivolti al Signore.
 
Con le braccia allargate, il sacerdote soggiunge:

Rendiamo grazie al Signore, nostro Dio.
Il popolo risponde: É cosa buona e giusta.
 
Alla fine congiunge le mani e conclude il prefazio cantando insieme con il popolo o dicendo ad alta voce:
 
Santo, Santo, Santo il Signore Dio dell’universo.
I cieli e la terra sono pieni della tua gloria.
Osanna nell’alto dei cieli.
Benedetto colui che viene nel nome del Signore.
Osanna nell’alto dei cieli.
 
Segue la PREGHIERA EUCARISTICA
 
 
 
 
 
 

 

RITI DI COMUNIONE

 
Deposto il calice e la patena, il sacerdote, a mani giunte, dice:

Obbedienti alla parola del Salvatore
e formati al suo divino insegnamento,
osiamo dire:
 
* Oppure:
Il Signore ci ha donato il suo Spirito.
Con la fiducia e la libertà dei figli
diciamo insieme:
 
* Oppure:
Prima di partecipare al banchetto dell’Eucaristia,
segno di riconciliazione
e vincolo di unione fraterna,
preghiamo insieme come il Signore ci ha insegnato:
 
* Oppure:
Guidati dallo Spirito di Gesù
e illuminati dalla sapienza del Vangelo,
osiamo dire:
 
 
Con le braccia allargate, dice insieme al popolo:
 
Padre nostro, che sei nei cieli, 
sia santificato il tuo nome,
venga il tuo regno, sia fatta la tua volontà, 

come in cielo così in terra.

Dacci oggi il nostro pane quotidiano, 
e rimetti a noi i nostri debiti
come noi li rimettiamo ai nostri debitori,
e non ci indurre in tentazione, ma liberaci dal male.



Solo il sacerdote, con le braccia allargate, continua:
 
Liberaci, o Signore, da tutti i mali, 
concedi la pace ai nostri giorni; 
e con l'aiuto della tua misericordia, 
vivremo sempre liberi dal peccato
e sicuri da ogni turbamento,
nell'attesa che si compia la beata speranza, 
e venga il nostro Salvatore Gesù Cristo.
 
Congiunge la mani.
 
Il popolo conclude la preghiera con l’acclamazione:
 
 

Tuo é il regno, tua la potenza

e la gloria nei secoli.


Il sacerdote, con le braccia allargate, dice ad alta voce:
 
Signore Gesù Cristo, che hai detto ai tuoi apostoli: 
"Vi lascio la pace, vi do la mia pace", 
non guardare ai nostri peccati, 
ma alla fede della tua Chiesa, 
e donale unita e pace secondo la tua volontà. 
 
Congiunge la mani.
Tu che vivi e regni nei secoli dei secoli.
 
Il popolo conclude la preghiera con l’acclamazione:
Amen.


 
Il sacerdote, allargando e ricongiungendo le mani, dice:
 
La pace del Signore sia sempre con voi.
 
Il popolo risponde:
 
E con il tuo spirito.
 
Se si ritiene opportuno, il diacono, o il sacerdote aggiunge:
 
Scambiatevi un segno di pace.
 
* Oppure:
Come figli del Dio della pace,
scambiatevi un gesto di comunione fraterna.
 
* Oppure:
In Cristo, che ci ha resi tutti fratelli con la sua croce,
scambiatevi un segno di riconciliazione e di pace.
 
* Oppure:
Nello Spirito del Cristo risorto
datevi un segno di pace.
 
E tutti si scambiano vicendevolmente un segno di pace secondo gli usi locali.
 
 
Il sacerdote dà la pace al diacono o al ministro. Poi prende l’ostia e la spezza sopra la patena, e lascia cadere un frammento nel calice, dicendo sottovoce:
 
Il Corpo e il Sangue di Cristo,
uniti in questo calice,
siano per noi cibo di vita eterna.
 
 
Intanto si canta o si dice:
 
Agnello di Dio, che togli i peccati del mondo,
abbi pietà di noi. 
 
Agnello di Dio, che togli i peccati del mondo,
abbi pietà di noi.

Agnello di Dio, che togli i peccati del mondo,
dona a noi la pace.
 
Oppure in canto:
 
Agnus Dei, qui tollis peccata mundi: miserére nobis.
Agnus Dei, qui tollis peccata mundi: miserére nobis.
 Agnus Dei, qui tollis peccata mundi: dona nobis pacem.
 
Questo canto si può ripetere più volte, se la frazione del pane si prolunga. L’ultima invocazione si conclude con le parole: dona a noi la pace  [dona nobis pacem].
 
Il sacerdote, con le mani giunte, dice sottovoce:
 
Signore Gesù Cristo, figlio di Dio vivo, 
che per volontà del Padre
e con l’opera dello Spirito Santo 
morendo hai dato la vita al mondo, 
per il Santo mistero del tuo Corpo e del tuo Sangue
liberami da ogni colpa e da ogni male, 
fa che sia sempre fedele alla tua legge 
e non sia mai separato da Te.
 
Oppure:
 
La comunione con il tuo Corpo e il tuo Sangue, 
Signore Gesù Cristo, 
non diventi per me giudizio di condanna, 
ma per tua misericordia, 
sia rimedio di difesa dell’anima e del corpo.
 
 
Genuflette, prende l’ostia, e tenendola alquanto sollevata sulla patena, rivolto al popolo, dice ad alta voce:
 
Beati gli invitati alla Cena del Signore.
Ecco l'Agnello di Dio,
che toglie i peccati del mondo.

E continua, dicendo insieme con il popolo:
 
O Signore, non sono degno
di partecipare alla tua mensa:
ma di' soltanto una parola
e io sarò salvato.


Il sacerdote, rivolto all’altare, dice sottovoce:
 
Il Corpo di Cristo
mi custodisca per la vita eterna.
 
E con riverenza si comunica al Corpo di Cristo. Poi prende il calice e dice sottovoce:
 
Il Sangue di Cristo
mi custodisca per la vita eterna.
 
E con riverenza si comunica al Sangue di Cristo.
 
 
Prende poi la patena o la pisside, e si porta verso i comunicandi. Nel presentare a ognuno l’ostia, la tiene alquanto sollevata e dice:
 
Il Corpo di Cristo
 
Il comunicando risponde:

Amen.


E riceve la comunione.
 
Nello stesso modo si comporta il diacono, quando distribuisce la comunione.
 
Quando si distribuisce la comunione sotto le due specie, si osservi il rito indicato in «Principi e norme», nn. 240-252.
 
Mentre il sacerdote si comunica con il Corpo di Cristo, si inizia il CANTO DI COMUNIONE.
 
Terminata la distribuzione della comunione, il sacerdote, o il diacono, o l’accolito, asterge la patena sul calice e quindi il calice.
 
 
Mentre asterge la patena e il calice, il sacerdote dice sottovoce:
 
Il sacramento ricevuto con la bocca
sia accolto con purezza nel nostro spirito, o Signore,
e il dono a noi fatto nel tempo
ci sia rimedio per la vita eterna.
 
Poi il sacerdote può tornare alla sede. Secondo i casi, si può osservare, per un tempo conveniente il «sacro silenzio», oppure si può cantare un salmo o un canto di lode e ringraziamento.
 
Il sacerdote, dalla sede o dall’altare, dice:
 
Preghiamo.
 
E tutti, insieme con il sacerdote, pregano in silenzio per qualche momento, se non l’hanno già fatto in precedenza. Poi, il sacerdote, con le braccia allargate, dice l’ORAZIONE DOPO LA COMUNIONE.
 
L’orazione dopo la comunione termina con la conclusione breve:
 
- se è rivolta al Padre:
 
Per Cristo nostro Signore.
 
- se è rivolta al Padre, ma verso la fine di essa si fa menzione del Figlio:
 
Egli vive e regna nei secoli dei secoli.
 
- se è rivolta al Figlio:
 
Tu che vivi e regni nei secoli dei secoli.
 
Il popolo acclama:
 
Amen.
 
 
 
 


 

RITI DI CONCLUSIONE

 
 
A questo punto si danno, quando occorre, brevi comunicazioni o AVVISI AL POPOLO. Segue il CONGEDO. Il sacerdote rivolto verso il popolo, con le braccia allargate dice:

Il Signore sia con voi.
 
Il popolo acclama:

E con il tuo spirito.
 
Il sacerdote benedice il popolo:

Vi benedica Dio onnipotente,
Padre e Figlio Ë e Spirito Santo.
 
Il popolo risponde:

Amen.
 
____________________________________________________________________
Nel benedire il popolo; il vescovo usa questa formula:

V.      Sia benedetto il nome del Signore.
R.      Ora e sempre.
 
V.      Il nostro aiuto è nel nome del Signore.
R.      Egli ha fatto cielo e terra.
 
V.      Vi benedica Dio onnipotente,
         Padre + e Figlio + e Spirito + Santo.
R.      Amen.
____________________________________________________________________
 
In certi giorni e in circostanze particolari, questa formula di benedizione è preceduta da una formula di BENEDIZIONE PIU’ SOLENNE o dalla ORAZIONE SUL POPOLO.
 
Infine il diacono, o il sacerdote stesso, rivolto verso il popolo, a mani giunte, dice:

La Messa é finita: andate in pace.

* Oppure:
La gioia del Signore sia la nostra forza.  Andate in pace.
 
* Oppure:
Glorificate il Signore con la vostra vita.  Andate in pace.
 
* Oppure:
Nel nome del Signore, andate in pace.
 
* Oppure, specialmente nelle domeniche di Pasqua:
Portate a tutti la gioia gioia del Signore risorto.  Andate in pace.
 
Il popolo risponde:

Rendiamo grazie a Dio.
 
Il sacerdote bacia l’altare in segno di venerazione come all’inizio; fa quindi con i ministri la debita riverenza e torna in sacrestia.
 
Quando la Messa è seguita immediatamente da un’altra azione liturgica, si tralasciano i riti di conclusione.