Non c’è sapienza, né fede, né bellezza, se non ho in me la Carità. Solo l’amore è specchio dell’Eterno, non finirà in un tramonto. Non c’è potenza, né forza, né speranza, se non ho in me la Carità. Un grido sale da chi non ha che te Signore della vita. Con te Vincenzo risplende un’alba nuova, un sole che vivrà negli occhi dei più poveri. La Carità in te si fa presenza, il sogno dell’eterno in te si fa realtà. Tra le mie braccia il dono del conforto Nel mio silenzio la forza del perdono Nei miei pensieri la strada verso te Signore della vita. Con te Vincenzo risplende un’alba nuova, un sole che vivrà negli occhi dei più poveri. La Carità in te si fa presenza, il sogno dell’eterno in te si fa realtà. Con te Vincenzo risplende un’alba nuova, un sole che vivrà negli occhi dei più poveri. La Carità in te si fa presenza, il sogno dell’eterno in te si fa realtà. In te si si fa realtà, in te si fa realtà, in te si fa realtà.
Salve, Regina
Salve, Regina

Salve, Regina,

madre di misericordia,

vita, dolcezza e speranza nostra, salve.


A te ricorriamo,

esuli figli di Eva;

a te sospiriamo, gementi e piangenti

in questa valle di lacrime.


Orsù dunque, avvocata nostra,

rivolgi a noi gli occhi

tuoi misericordiosi.


E mostraci, dopo questo esilio, Gesù,

il frutto benedetto del tuo Seno.


O clemente, o pia,

o dolce Vergine Maria!